COVID19: Ordinanza 546 del 13-05-2020

Regione Lombardia ha ufficialmente introdotto l’obbligo, a carico del datore di lavoro o suo delegato, della rilevazione della temperatura corporea per l’accesso ai luoghi di lavoro dal prossimo 18 maggio.
Tale misura sarà valida ed efficace, salvo ulteriori proroghe, fino al 31 maggio 2020.
In particolare, il provvedimento prevede che:

  • il datore di lavoro o suo delegato ha l’obbligo di rilevare la temperatura ai propri dipendenti prima dell’accesso in azienda.  
    Se la temperatura sarà superiore ai 37,5°, non sarà consentito l’accesso o la permanenza all’interno dell’azienda e il dipendente sarà momentaneamente posto in isolamento.
Il datore di lavoro, tramite il medico competente e/o l’ufficio del personale, informerà tempestivamente l’ATS territorialmente competente che fornirà le opportune indicazioni alle quali dovrà attenersi il dipendente
  • è fortemente raccomandata anche la rilevazione della temperatura nei confronti dei clienti/utenti, prima dell’accesso.
  • è fortemente raccomandato l’utilizzo della app “AllertaLom” da parte del datore di lavoro e di tutto il personale, compilando quotidianamente il questionario “CercaCovid”.
 Vi informiamo inoltre che l’Istituto Superiore di Sanità ha emanato delle linee guida per la gestione particolare degli impianti di ventilazione/climatizzazione:
  • garanzia di un ricambio d’aria con apertura frequente di porte e finestre.
  • per edifici con ventilazione meccanica, obbligo di mantenere attivi ingresso ed estrazione 24h/24 e 7d/7, eliminare il ricircolo.
  • sostituire i pacchi filtranti con quelli ad alta efficienza.
  • per i FANCOIL e VENTILCONVETTORI di impianti centralizzati, divieto di utilizzo, con l’esclusione di ambienti con un solo lavoratore per ambiente. Pulire ogni 4 settimane i filtri.
  • pulizia periodica (1 settimana per ambienti ad uso misto, 4 settimane mono-lavoratore) dei terminali di condizionamento e dei sistemi di raccolta della condensa.
  • formalizzare le pulizie/sanificazioni periodiche da parte di ditte esterne e personale interno.

Scarica l’ordinanza