22 Giugno 2019: presentazione MUD 2018

Anche quest’anno rimane in vigore l’obbligo di effettuare comunicazione MUD (Modello Unico di Dichiarazione in Materia Ambientale), riferita alla quantità di rifiuti prodotti, gestiti e movimentati nell’anno 2018, entro e non oltre il 22 Giugno 2019 (scadenza posticipata).

L’articolo 6 del Decreto Legge 14 dicembre 2018, n. 135 recante “Disposizioni urgenti in materia di sostegno e semplificazione per le imprese e per la pubblica amministrazione” stabilisce che dal 1° gennaio 2019 è soppresso il sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI): fino alla definizione e alla piena operatività di un nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti, i soggetti individuati dal D.lgs. 152/2006 garantiscono la tracciabilità dei rifiuti attraverso la tenuta di registri e formulari e la presentazione del MUD secondo quanto previsto dagli articoli 188, 189, 190 e 193 dello stesso Decreto, con le relative sanzioni.
L’articolo 189 c.3 prevede che chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti, i commercianti e gli intermediari di rifiuti senza detenzione, le imprese e gli enti che effettuano operazioni di recupero e di smaltimento di rifiuti, i Consorzi istituiti per il recupero ed il riciclaggio di particolari tipologie di rifiuti, nonché le imprese e gli enti produttori iniziali di rifiuti pericolosi e le imprese e gli enti produttori iniziali di rifiuti non pericolosi di cui all’articolo 184, comma 3, lettere c), d) e g) con più di 10 dipendenti, comunicano annualmente alle camere di commercio territorialmente competenti, con le modalità previste dalla legge 25 gennaio 1994, n. 70, le quantità e le caratteristiche qualitative dei rifiuti oggetto delle predette attività.
Il D.P.C.M. del 24/12/2018 pubblicato sulla G.U. del 22 febbraio 2019 contiene il modello e le istruzioni per la presentazione delle Comunicazioni da parte dei soggetti obbligati.

Soggetti Obbligati

  • Chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti
  • Commercianti ed intermediari di rifiuti senza detenzione
  • Imprese ed enti che effettuano operazioni di recupero e smaltimento dei rifiuti
  • Imprese ed enti produttori iniziali di rifiuti pericolosi
  • Imprese ed enti produttori che hanno più di dieci dipendenti e sono produttori iniziali di rifiuti non pericolosi derivanti da lavorazioni industriali, da lavorazioni artigianali e da attività di recupero e smaltimento di rifiuti, fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento dei fumi (così come previsto dall’articolo 184 comma 3 lettere c), d) e g)).

Sono esclusi dall’obbligo di presentazione del MUD, in base alla Legge n. 221 del 28 dicembre 2015, le imprese agricole di cui all’articolo 2135 del codice civile, nonché i soggetti esercenti attività ricadenti nell’ambito dei codici ATECO 96.02.01, 96.02.02 e 96.09.02.

 

La Comunicazione potrà essere presentata esclusivamente in modalità telematica; CIMA SERVICE, come ogni anno, offre il servizio di predisposizione ed invio della Dichiarazione MUD.

Documentazione necessaria

  •  registri di carico e scarico dei rifiuti, correttamente compilati
  •  formulari di consegna dei rifiuti (1° e 4° copia)
  •  copia del certificato d’iscrizione alla Camera di Commercio
  •  numero di addetti, suddivisi tra dipendenti e titolari
  •  fotocopia carta d’identità del titolare/legale rappresentante

La documentazione dovrà essere consegnata entro e non oltre 31 maggio p.v. presso gli uffici di CIMA SERVICE. Per maggiori informazioni chiama in ufficio o invia una richiesta utilizzando la form contatti.

Per approfondire clicca qui